Gravidanza / parto

Citomegalia e gravidanza


Poco si dice sul citomegalovirus in gravidanza. Le donne incinte di solito non sono informate degli effetti negativi di questa malattia sul feto e degli effetti del suo sviluppo. Inoltre non è ampiamente noto come va la citomegalia, quali sintomi provoca e come si possa evitare l'infezione. Tuttavia, vale la pena avere almeno le conoscenze di base in questo settore. Se non altro per evitare il rischio di citomegalovirus e i suoi effetti avversi sul feto.

Quali sono le cause del citomegalovirus?

La citomegalia è una malattia difficile da diagnosticare causata da un virus comune: citomegalovirus (CMV), un tipo di herpes, simile a quello responsabile dell'herpes. L'infezione si verifica attraverso uno stretto contatto. Il virus viene anche trasmesso attraverso sangue, saliva e altre secrezioni.

A causa della facilità di infezione, il citomegalovirus esplora asili nido, scuole materne e scuolepassa spesso da un bambino all'altro. La maggior parte di noi viene infettata in età scolare. Il citomegalovirus può anche interessare gli adulti immunocompromessi.

Sintomi

Il citomegalovirus presenta sintomi simili a quelli osservati quando passa influenza leggera. Compaiono dolori muscolari, debolezza generale, febbre, linfonodi ingrossati. Altri sintomi caratteristici che possono o meno essere: mal di gola, diarrea, nausea, febbre, rash, linfoadenite. La malattia può anche essere asintomatica, soprattutto se attacca non la prima volta, ma di nuovo. Per questo motivo, la sua diagnosi è difficile e la causa della malattia non è sempre chiaramente identificata.

Periodo di incubazione

Il periodo di incubazione del citomegalovirus dura da tre settimane a tre mesi. Dopo aver superato l'infezione, il virus rimane ancora nel corpo, ma in una forma inattiva. Un secondo attacco può verificarsi durante un'immunità indebolita. Le persone sane e forti, tuttavia, non devono avere paura degli effetti della malattia, che corre come un raffreddore / influenza. La situazione è peggiore per neonati, lattanti e donne in gravidanza che hanno un bambino in via di sviluppo.

Perché il virus è così pericoloso?

Non si scherza con la gravidanza durante la gravidanza, principalmente perché il virus attacca le cellule immature, cioè le cellule del feto. Può andare dritto attraverso la placenta o il tratto genitale (in questo caso, perdite vaginali bianche e risultati citologici peggiori possono indicare la sua presenza). Quali effetti produrrà il citomegalovirus dipende dal periodo di infezione e dalla sua estensione.

Nel primo trimestre, il virus spesso porta ad aborto spontaneo. In una fase più avanzata della gravidanza, può causare danni cerebrali intrauterini. Nel 13% delle donne che subiscono il citomegalovirus durante la gravidanza, nascono bambini con epilessia o disturbi dello sviluppo.

Alla fine della gravidanza devi fare i conti parto accelerato e suoi effetti: ittero e polmonite.
Il problema è anche infezione del bambino durante il partoche è molto più comune che durante la gravidanza. Si applica al 10% di tutti i casi di malattia. Nel 90% dei casi, i bambini eliminano il virus o i sintomi della malattia si manifestano in seguito. Il rischio è tanto maggiore più breve è la gravidanza e aumenta per i bambini nati con un peso troppo basso.
L'allattamento al seno è un altro punto di infezione. Si stima che durante questo periodo la malattia venga trasmessa al 40-60% dei neonati, tuttavia è di solito asintomatica ed è innocua per il bambino nel corso.

Sintomi di citomegalia congenita

La citomegalia congenita è molto più pericolosa di una malattia che può essere infettata neonato o neonato. Causa: ritardata crescita intrauterina, ittero, ingrossamento del fegato / milza, polmonite, trombocitopenia, polmonite, retinite, coroide, atrofia ottica e persino sordità. A volte si sviluppa infezione generaleche può essere fatale. Il 20-30% dei neonati con citomegalovirus congenito muore, altri sviluppano un disturbo mentale congenito.

Nessuna immunità

Quando una donna si sottopone a toxoplasmosi prima della gravidanza, non vi è alcun rischio che venga nuovamente infettata nei 9 mesi importanti per lo sviluppo del bambino. Tuttavia, nel caso del citomegalovirus non esiste più tale garanzia.

Inoltre, il più pericoloso per lo sviluppo fetale è prima infezione. Se succede durante la gravidanza, devi tenere conto delle spiacevoli conseguenze. Tuttavia, non è possibile proteggerli a causa del virus non esiste un vaccino né una medicina efficace. L'unico modo per combattere è prevenire il citomegalovirus.

Come riconoscere la malattia?

Non esiste uno studio sul citomegalovirus nel pacchetto base NFZ. Una donna incinta può richiederlo da sola o finanziare l'esame privatamente. Ciò è importante perché la diagnosi precoce della malattia consente di ridurre al minimo qualsiasi effetto negativo derivante durante il suo sviluppo.

Tuttavia, la diagnostica da sola non è facile, per identificare il virus è necessario ripetere il test più volte a intervalli di due settimane. Questo può essere fatto in due modi: esami del sangue (Gg e igM, verifica della presenza del virus e se la donna ha avuto una malattia in passato) o esami delle urine.

La ricerca sul citomegalovirus è particolarmente importante valido nel terzo trimestre. In questo modo, scoprendo lo sviluppo asintomatico della malattia, è possibile prendere precauzioni durante il parto. Ai neonati con citomegalovirus viene prescritto un farmaco che inibisce la riproduzione del virus ed evita i cambiamenti infiammatori nel cervello e nel bulbo oculare. Sfortunatamente, il farmaco ha alcuni effetti collaterali e richiede una degenza in ospedale di due settimane. Altre forme di malattia, inclusa la citomegalia del sistema nervoso, richiedono un'osservazione speciale fino a quando il bambino compie un anno. Se i medici hanno a che fare con un caso grave, viene utilizzato il cosiddetto siero immunitario, che consente di salvare il feto.

Come contrastare la malattia?

Se sei incinta, dovresti prestare particolare attenzione a:


Video: Dalla A alla Nursery, le infezioni in gravidanza: il citomegalovirus (Gennaio 2022).