Bambino piccolo

Antibiotici e malattie infantili. Perché dovresti affrontarli con cautela?

Antibiotici e malattie infantili. Perché dovresti affrontarli con cautela?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Gli antibiotici e la loro somministrazione ai bambini, in particolare ai più piccoli, è un argomento piuttosto controverso. Sfortunatamente, per molti di noi gli antibiotici sono ancora associati al farmaco di base che combatte tutti i tipi di virus e batteri. Tuttavia, questo non è vero perché gli antibiotici non sono efficaci, ad esempio per le infezioni virali. Ci sono anche malattie che possiamo curare con successo senza dare al bambino un antibiotico. Lo sono in effetti farmaci molto potenti con numerosi effetti collaterali, che nessun genitore sensibile e amorevole dovrebbe sottovalutare.

Quando è meglio non dare antibiotici al bambino? Perché i medici raramente ordinano uno striscio e un antibiogramma prima di scrivere una prescrizione per un antibiotico?

Qualche parola sugli antibiotici

Gli antibiotici sono uno dei più grandi successi della medicina del 20 ° secolo. Il loro aspetto e il loro ampio accesso hanno contribuito a ridurre il numero di decessi causati da infezioni batteriche e complicanze dopo il loro passaggio. Tuttavia, non tutti sappiamo che gli antibiotici funzionano solo su specifici ceppi di batteri, quindi il loro uso non ha alcun senso, ad esempio nel caso di infezioni virali.

Con l'aiuto di antibiotici non cureremo un raffreddore comune o altre malattie virali. Pertanto, in nessun caso dovresti prenderli da soli o addirittura somministrare antibiotici ai bambini senza prima consultare il medico. Tale comportamento può danneggiare seriamente la salute e l'immunità naturale dei nostri bambini.

Antibiotici e immunità dei bambini

Nonostante la loro elevata efficacia nella lotta alle malattie batteriche, negli ultimi anni gli antibiotici sono diventati sempre meno popolari. Ciò è dovuto, tra l'altro dalla loro efficacia indebolente. Durante i lunghi anni di utilizzo di antibiotici, molti batteri che attaccano il corpo umano sono effettivamente diventati resistenti alla loro azione, a causa della quale gli antibiotici stanno diventando sempre meno efficaci ogni anno.

Un altro motivo per cui sempre più genitori stanno evitando di somministrare antibiotici ai propri figli sono effetti collaterali dopo averli presi. Gli antibiotici sono farmaci molto potenti, che non sono indifferenti all'assunzione, specialmente per i più piccoli. Gli antibiotici, oltre a combattere i batteri dannosi per il corpo umano, indeboliscono anche l'immunità naturale del corpo. Ciò è particolarmente importante per i bambini piccoli e i neonati che non hanno ancora meccanismi di difesa completamente sviluppati. Dando loro antibiotici senza una ragione apparente, impediamo al corpo di nostro figlio di combattere la malattia da solo.

Pediatra su appuntamento e antibiotici

Nella sanità pubblica sfortunatamente ci sono pochi dottori del cosiddetto appuntamentoper cui il bene del paziente viene sempre per primo. Ecco perché prescrivono antibiotici così spesso. Scrivere una prescrizione per un antibiotico è una questione molto semplice e costa molto meno sforzo da parte del medico che incaricare il paziente di eseguire ulteriori test. Tuttavia, vale sempre la pena farlo, soprattutto prima di dare al bambino un antibiotico.

Solo la ricerca ci darà certezza, che un antibiotico è davvero necessario per curare la malattia nel nostro bambino e consentirgli di scegliere il tipo giusto. Quindi, prima che il pediatra scriva una prescrizione per un antibiotico a nostro figlio, necessariamente chiediamo un tampone e un antibiogramma.

Tampone e antibiogramma: l'unico metodo per selezionare correttamente un antibiotico

Prima di tutto, vale la pena notare che non esiste un singolo antibiotico che funzioni su tutti i ceppi batterici. A seconda del tipo, è necessario utilizzare un farmaco adeguatamente selezionato, in grado di eliminare efficacemente questi batteri specifici.

Le infezioni del tratto respiratorio superiore sono i più comuni disturbi batterici che si verificano nei bambini (spesso anche causati da virus). Per essere in grado di determinare con precisione il loro substrato e determinare quale ceppo di batteri è responsabile della comparsa dei sintomi della malattia, è necessario prendere un tampone dalla gola o dal naso del bambino. Solo in questo modo il medico saprà quale batterio combattere e quindi abbinerà correttamente l'antibiotico che sarà in grado di eliminarlo.

Oltre al tampone stesso, è un altro test utile prima di dare a nostro figlio un antibiotico antibiogramma. Lo è test microbiologico, il cui compito è determinare a quali batteri antibiotici specifici sono sensibili e a quali sono già diventati resistenti. Come accennato in precedenza, nel tempo molti batteri sono diventati resistenti agli antibiotici popolari. È quindi necessario abbinare l'antibiotico a cui il batterio è ancora sensibile.
Grazie a queste conoscenze, il medico può scegliere un antibiotico che sarà efficace al 100% nel trattamento della malattia di nostro figlio. L'esecuzione di uno striscio e di un antibiogramma evita anche la somministrazione senza scopo di antibiotici a un bambino il cui uso non sarà efficace nel controllo della malattia.

Regole per la somministrazione di antibiotici ai bambini

Nel momento in cui si scopre che la somministrazione di un antibiotico è necessaria per curare con successo il nostro bambino, oltre ad acquistare il farmaco stesso in farmacia, dovremmo anche ricordare principi di base della sua amministrazione. Ciò eviterà possibili complicazioni e garantirà un'elevata efficacia della terapia antibiotica. Dare al bambino un antibiotico:

  • chiedi al tuo medico il corretto dosaggio del medicinale e chiedi di scrivere queste informazioni su un pezzo di carta;
  • seguire rigorosamente la dose raccomandata e le ore di somministrazione degli antibiotici;
  • somministrare probiotici al bambino durante e dopo la terapia antibiotica;
  • osserva il bambino, di solito la somministrazione dell'antibiotico è accompagnata da effetti collaterali, purché siano inferiori ai sintomi della malattia, il farmaco è considerato sicuro,
  • somministrare l'antibiotico fino alla fine, anche se la malattia scompare prima della fine della terapia antibiotica.

Quando si possono evitare gli antibiotici?

Le infezioni virali e le malattie leggere devono essere trattate prima di tutto a casa. Dovremmo cercare solo antibiotici nel caso di malattie batteriche e, come ultima risorsa, quando falliscono altri trattamenti per la malattia.

Quando il nostro bambino ha il raffreddore, dovremmo prima di tutto assicurarci per riscaldarsi e riposare a casa. In caso di febbre, utilizzare impacchi freddi e ridurre la temperatura con i farmaci solo quando raggiunge i 38 gradi Celsius. Ricordiamo anche di dare adeguate quantità di acqua potabile.

Durante la malattia vale anche la pena incoraggiare il bambino a bere bevande calde, garantire una dieta facilmente digeribile e un adeguato contenuto vitaminico nei prodotti consumati. Non dimentichiamoci di aerazione regolare della stanza, in cui riposa il bambino e p. frequente cambio di biancheria da pulire. Possiamo anche applicare preparati curativi naturali che rafforzano l'immunità del bambino e lo aiutano a recuperare più velocemente. Nella maggior parte dei casi, dopo alcuni giorni di debolezza, il corpo del bambino vincerà da solo la lotta contro la malattia e il nostro bambino si riprenderà e pieno di forza.

Se, tuttavia, si scopre che i rimedi casalinghi falliscono e, nonostante i nostri sforzi, la salute del bambino non migliorerà, consultare un medico il prima possibile. Tuttavia, non lasciare che il pediatra scriva una prescrizione per un antibiotico facendo un tampone e un antibiogramma in anticipo. Solo questi test risponderanno alla domanda se sia necessario un trattamento antibiotico e quale preparazione particolare debba essere data a nostro figlio.