Bambino piccolo

Come controllare la tua rabbia o rabbia verso i bambini di cui nessuno parla


Madre polacca perfetta non si arrabbia con i bambini, non grida, non punisce, non batte. Ha deciso di dare alla luce un bambino, è paziente e non si lascia trasportare. Un tipico superuomo che porta più di quello che può portare: questo è lo schema delle virtù che amiamo e che creiamo con articoli negligenti, stereotipi e resoconti dei media. Apprezziamo questa perfezione e sopprimiamo tutti i segni dell '"umanità": siamo i più per noi stessi revisori rigorosi.

La mancanza di consenso alla rabbia dei genitori e alla frustrazione comporta grandi minacce. Ci fa accumulare sentimenti che si accumulano e improvvisamente esplodono in modo tale da non poter controllare noi stessi. Perdiamo il controllo del nostro corpo e della nostra testa, facciamo cose di cui ci vergogniamo più tardi, ci scusiamo. In situazioni estreme c'è una tragedia ...

Conclusione? Il più semplice e ovvio è quello è impossibile non arrabbiarsi con i bambini. È impossibile Invece di inseguire i riflessi umani, è meglio imparare a gestire le emozioni in modo efficace.

Devi permetterti sentimenti spiacevoli, permetterti di esprimere la tua insoddisfazione, mostrare ai bambini che sei un uomo in carne e ossa. Uno che è arrabbiato e che, con il suo esempio, mostra come affrontare la rabbia, consentendo agli altri di fare lo stesso.

Reazione difensiva

Ogni genitore è arrabbiato con il figlio di volta in volta. È naturale, è una risposta difensiva molto originale contro che è una minaccia per noi. La rabbia è una combinazione di altri tre sentimenti: paura, tristezza e delusione. Ci sono molte ragioni, o meglio fattori che lo favoriscono:

  • fretta,
  • preoccupazioni finanziarie
  • eccessive aspettative sull'ambiente,
  • problemi sul lavoro,
  • senso di tempo insufficiente.

Ogni giorno ci sentiamo bene come genitori. Sfortunatamente, a volte ci sono momenti in cui ribolliamo internamente e leggiamo ogni segnale a discapito del bambino. Pensiamo: a che diritto è così ingrato, ingiusto, testardo e tenace? Mi sacrifico così tanto, ci provo tanto e lui mi ripaga così tanto? Cosa mi sono meritato per questo comportamento ...? Questi sono i pensieri più comuni che compaiono nella testa dei genitori che provano tristezza, delusione e paura o rabbia.

Il bambino può contribuire alle tue reazioni, nervosismo, stress e rabbia reale. Tuttavia, non è responsabile per loro. Tu, indipendentemente dalla situazione esterna, dovresti controllare le tue reazioni. Questo non significa che tuo figlio non ti farà mai arrabbiare, perché probabilmente accadrà così tante volte. La chiave, tuttavia, è dichiararsi colpevole e scusarsi per il proprio comportamento. Inoltre, è necessario un lavoro continuo. Non solo sul bambino, ma anche su se stesso.

Perché i bambini possono davvero farci arrabbiare?

Evocano le più grandi emozioni persone vicine in noi. Nessuno può arrabbiarsi come una madre, un padre ... o un bambino.

Gli psicologi descrivono questo fenomeno in modo molto vivido: "Fantasmi dell'asilo", i bambini evocano e ci ricordano le emozioni del passato. Raggiungono aree profondamente dimenticate della nostra psiche, scopri tutto ciò che non è stato risolto in passato, rivela tutti i nostri difetti e questo processo è molto doloroso e frustrante. Anche perché inevitabilmente stiamo notando che stiamo iniziando a ripetere gli errori dei nostri stessi genitori, lo stesso da cui volevamo tanto sfuggire. Vale anche la pena scoprire una sfida in questo: la genitorialità funziona curando, ti permette di vincere contro demoni del passato. Questa è un'opportunità per risolvere i problemi ancora esistenti, sebbene rimangano dimenticati.

Le paure e la rabbia dell'infanzia sono spesso così travolgenti che potremmo avere problemi a gestirle anche da adulti.

Cosa succede quando urli per un bambino?

La ricerca mostra che quando un genitore esprime rabbia in modo incontrollato, viene portato via, il bambino è più recalcitrante e "maleducato". Un bambino che vede spesso un genitore insoddisfatto e cattivo è più propenso a ripetere un modello noto.

Una delle idee peggiori, sebbene fortunatamente non la peggiore, per esprimere rabbia è urlare.

Cosa provi quando qualcuno ti urla? Ad esempio, quando è la persona che ami, diciamo, marito? Ora immagina che una persona doppia rispetto alla quale sei dipendente al 100%, che ami e credi in ogni sua parola, ti grida che accetti tutto ciò che dice senza riflettere. Moltiplicalo per 1000, ti sentirai come un bambino.

Il bambino che sta gridando è vulnerabile. Si sente perso, respinto, non affronta le proprie emozioni ed è sopraffatto dalla rabbia della sua amata persona - un genitore.

Ciò non significa, ovviamente, che il pianto occasionale di mamma o papà lascerà un segno duraturo sulla psiche del bambino. Tuttavia, devi capire che da adulto devi controllare l'espressione dei sentimenti ed esprimere la tua rabbia in modo da non ferire il bambino. La rabbia in sé è terrificante per un bambino, quando aggiungiamo a questi insulti, ricatti, minacce e altri strumenti spiacevoli che il genitore usa, diventa maleducato.


Video: Non domare la tua rabbia (Gennaio 2022).