Polemicamente

Portare un bambino a fare shopping al centro commerciale?


A volte, durante lo shopping, ho visto giovani madri che passeggiavano nell'ipermercato con un bambino. Ero disprezzato per questo comportamento. Non ho capito un genitore che va a fare shopping con un bambino per diverse settimane mentre il suo posto è a casa. Mi è capitato di pensare "che madre maledetta", trattenendomi per non puntare il dito. Non è a conoscenza dei pericoli esistenti in agguato per il neonato?

Con un bambino al mercato

Virus, batteri, minaccia di infezione, pieno di germi, rumore onnipresente, luci abbaglianti questi sono solo esempi che dovrebbero far pensare a mia madre che un centro commerciale non sia il posto giusto per una passeggiata con un bambino piccolo. Dopotutto, un bambino può stare con un altro genitore o nonni quando è necessario fare shopping, quindi perché metterlo in pericolo?

Quando scegli di fare acquisti con il tuo neonato, devi esserne consapevole il sistema immunitario del bambino non è completamente sviluppato, è facile infettare un bambino del genere, ad esempio con un naso che cola o un virus di malattia infettiva di altre persone, che spesso sembrano in salute, ma a volte si avvicinano a un bambino, guardano, toccano e infettano inconsciamente.

Una minaccia importante è anche temperature e condizioni variabili nel negozio. C'è spesso un ipermercato soffocante e caldo (e i genitori di solito dimenticano di spogliare un bambino in inverno e vestirsi in estate) per questo frigoriferi per aria condizionata e refrigerazione non influire favorevolmente su un bambino piccolo. È facile surriscaldarsi in questo modo, o al contrario: raffreddare il giovane corpo.

Si prega di aggiungere: confusione onnipresente, conversazioni con i clienti, l'enormità di colori e luci, che può influire negativamente sul sistema nervoso del bambino. Spesso il bambino fa shopping ansioso, piange e il genitore inizia a innervosirsi, che non può facilmente acquistare ciò di cui ha bisogno. Non c'è dubbio lo shopping fatto dai genitori stessi sono più a loro agio, non c'è paura per il malessere del bambino, non devi preoccuparti di piangere o annoiare il bambino o la sua sicurezza.

Fare shopping senza un bambino?

Proprio cosa fare quando non c'è davvero nessuno con cui lasciare il bambino?

Solo quando sono diventata mamma mi sono resa conto che a volte fare shopping con un bambino è prima di tutto una necessità. I genitori non hanno sempre accesso ai negozi (ad esempio, vivono in campagna o in piccole città dove non c'è accesso permanente ai prodotti freschi). Lo shopping è spesso correlato con accesso, la necessità di percorrere diverse decine di chilometri mentre la separazione di una madre da un bambino per lungo tempo è impossibile o molto difficile (perché, ad esempio, sta solo allattando al seno). Può anche darsi che papà non sia sempre in grado di gestire acquisti più grandi. Succede anche quello un genitore sta crescendo un figlio da solo. Tuttavia, probabilmente il più delle volte solo genitori non hanno nessuno con cui lasciare il bambino (felici quelli che hanno i nonni disposti ad aiutare).

Esistono in molti centri commerciali servizi in forma di camere separate per madre e figlio, dove puoi scorrere pacificamente il bambino e dargli da mangiare e persino giocare, ci sono anche registratori di cassa speciali che consentono un servizio più veloce (anche se questi troppo spesso sono finzione). Sotto il negozio sono designati parcheggi speciali per famigliesituato vicino all'ingresso.

Con un bambino più giovane a fare shopping

Se non c'è altra via d'uscita e devi andare a fare shopping con un bambino di diverse settimane, ne vale la pena scegli mercati più piccolidove non ci sono troppi gruppi di persone. È meglio andare al negozio al mattino o pianificare lo shopping per le prime ore del mattino, quando non ci sono molti acquirenti (per questi motivi, vale la pena rinunciare allo shopping del fine settimana). Evitare grandi viaggi settimanali nell'ipermercato con un bambino piccolo, facciamo acquisti più grandi piuttosto sporadicamente in modo da non esporre il bambino a contatti non necessari con virus e batteri.

Preferibilmente prima organizza il tuo viaggio al negozio e cerca di farlo durare il più breve possibile, non stressare troppo il bambino. Prima di entrare nel centro commerciale, cambia bene il pannolino e dai da mangiare in pace al tuo bambino in una stanza appositamente progettata o semplicemente in macchina. In questo modo, è possibile che il bambino si addormenti e dorma durante tutti gli acquisti. Prendiamoci cura di condimento appropriato del bambino, vestiamo una piccola cipollain modo che quando entri nel negozio, togli gli indumenti esterni per non surriscaldare il giovane corpo.

Vale anche la pena prendere un pannolino per il cambio, qualcosa da bere e da mangiare (nel caso di un bambino più grande), il tuo giocattolo preferito e una coperta sottile che puoi coprire il bambino per un momento senza doverlo estrarre dalla carrozzina o dal seggiolino auto, ad esempio quando si entra nel reparto frigo .

Vale anche la pena considerare dove alloggerà il bambino mentre fa shopping, il passeggino è l'ideale, tuttavia, quando ci sono due genitori. Da solo, sarà difficile spingere il carrello e fare acquisti. Alcuni genitori mettono il bambino in un seggiolino per auto, che può essere facilmente inserito nel carrello.

Se l'opzione di trasporto nel carrello non è appropriata per un genitore, puoi farlo usa una sciarpa o una fionda, il bambino è al sicuro, vicino al genitore, separato dal cuscinetto dello stimolo. Il genitore è libero con entrambe le mani, fa la spesa liberamente e spinge un carrello della spesa.


Video: vlog facciamo shopping e vi porto con me! teen mom chiara paradisi (Gennaio 2022).