Libreria video principale

"Bambini cattivi. 9 passi verso l'obbedienza "

"Bambini cattivi. 9 passi verso l'obbedienza "



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Non so cosa siano i bambini cattivi. Almeno nell'edizione estrema di cui scrive il professore di educazione George M. Kapalka, autore del libro. Ecco perché questa guida, che cercherò di recensire per te, è difficile per me. Su molti livelli. A partire dal cognitivo fino al concetto stesso. Contrariamente a quanto si dice a volte, sono dell'opinione che ci siano situazioni in cui "l'amore ordinario" non è in grado di sollevare. Ogni bambino ha bisogno di imparare le conseguenze delle sue azioni malvagie. Se il genitore non lo mostra, il mondo sarà molto doloroso per il bambino. È per questo motivo che credo che dovrebbero esistere libri di testo sull'educazione e la disciplina, nonostante molte obiezioni e proteste.

Chi è l'autore?

George M. Kapalka è un terapista polacco che lavora negli Stati Uniti. Lavorare con famiglie americane e polacche.
L'autore suggerisce nella guida un metodo per controllare un bambino cattivo chiamato un contratto comportamentale.

La guida ti consente di visualizzare le emozioni

Cosa merita questo libro? Certamente perché il professor Kapalka sta cercando di rendere i suoi genitori consapevoli degli errori in modo accessibile, ma scientifico. Non nobili e ipotetici su di loro, ma su esempi specifici, che descrivono situazioni specifiche della vita. Dà consigli su come comportarci in situazioni che sopraffanno noi genitori.

In questo modo, cerca di mostrarci l'assunto sbagliato che il bambino "è maleducato" perché vuole farci arrabbiare. Dimostra che un bambino fa certe cose perché glielo abbiamo insegnato, perché in questo modo raggiunge l'obiettivo, perché vuole molto qualcosa ...

Kapalka spiega anche ciò che molti genitori non capiscono, cercando di equiparare l'educazione alla formazione e di confrontare la disciplina con il bullismo. Ci fa capire che viviamo in un mondo in cui c'è azione e c'è reazione, c'è comportamento e ci sono conseguenze. Non importa se abbiamo 5, 15 o 40 anni. Ognuno di noi deve fare i conti con il fatto che se sbaglia, il genitore punirà (ad esempio vietando di guardare la TV), la signora ne metterà uno a scuola, il partner sarà offeso, e il supervisore non sarà promosso.

Il ruolo dei genitori non è quello di forzare o esercitare pressione richiedendo il 100% di obbedienza. Questa non è educazione. L'educazione, come convinto da Kapalka, consente al bambino di agire come gli dice la sua coscienza, ma di essere consapevole delle conseguenze delle sue azioni. Se lo fa in modo sbagliato, sarà punito, se è giusto, ci sarà una ricompensa. È un sistema semplice che ci accompagna ogni giorno nella vita.

Certo, la punizione non è l'umiliazione di un bambino, non è nemmeno più battere o dire parole che toglieranno fiducia e senso di valore. La punizione è imposta con calma e amore. Con un senso di certezza che in questo modo insegniamo a un bambino a vivere e funzionare in una società in cui a nessuno importa del bene e nessuno è paziente e indulgente con il bambino come mamma o papà.

Che tipo di persona sarà tuo figlio?

Ascoltando esperti moderni "sull'educazione dei figli", puoi avere confusione. Coloro che dicono le frasi: rispettare un bambino, non punire mai e innamorarsi, spesso non danno consigli ragionevoli su cosa fare quando un bambino cade in isteria, come comportarsi, quando un bambino amato mette alla prova la nostra pazienza, dandoci una pacca in faccia o facendo altre cose altrettanto spiacevoli. Quando cresci un bambino, devi affrontare varie situazioni e la loro gravità dipende da ciò su cui non hai influenza, incluso il temperamento del bambino. D'altra parte, gli esperti che raccomandano penalità e premi sono spesso attaccati per "tesi impopolari".

Kapalka, in virtù dell'esperienza, è piuttosto un tradizionalista nell'educazione dei figli. Con questa piccola osservazione che dà al bambino tutta la libertà che può sopportare. Illustra esempi specifici della pluriennale esperienza di uno psicologo e psicoterapeuta familiare, mostra che l'educazione non sta sopprimendo la resistenza, la curiosità o la tendenza a rompere le barriere, è la partecipazione alla vita del bambino e mostrando che ogni giorno paga semplicemente per seguire regole.

Per chi è questa guida?

Non consiglio questa guida a tutti i genitori. L'autore stesso nell'introduzione spiega chiaramente e onestamente a chi è destinata questa pubblicazione. Questa guida molto dettagliata, che descrive passo dopo passo le regole della relazione con i bambini, è dedicata ai genitori i cui figli causano più problemi di quelli del genitore medio.

Questa è una guida per i genitori che falliscono, che hanno trascurato o cresciuto male i loro figli per anni. Leggere da un genitore di bambini più piccoli, possono incontrare incomprensioni, sorprese e persino un attacco a consigli "impopolari". Pertanto, se tuo figlio ha tre anni o meno e quando non causa gravi problemi educativi, salta piuttosto la lettura. Invece, segui le istruzioni dell'autore contenute nel libro in una situazione in cui non puoi davvero farlo, e altri metodi nel tuo caso non sono stati d'aiuto.

Nella guida "Bambini cattivi" troverai consigli utili per le madri di bambini che non ascoltano i loro genitori, non fanno ciò che viene loro detto, non sono disposti a collaborare, hanno problemi a scuola, difficoltà a concentrarsi sui compiti a casa, ma anche bambini con problemi cadere nell'isteria, nei bambini aggressivi o in generale "con problemi".

"Bambini cattivi. 9 step to obbedience ”può sostituire una dozzina di visite a uno psicoterapeuta familiare e implementando i principi in essa contenuti ha la possibilità di risolvere i problemi di genitori e figli. Tuttavia, vale la pena sottolineare alla fine: questo non è un libro per tutti e con un po 'di cattiva volontà il suo messaggio può essere facilmente ricevuto male ...

Grazie a GWP (Casa editrice psicologica di Danzica) per aver fornito il libro per la revisione.