Polemicamente

Allattamento al seno in piscina: non è un'esagerazione?


La storia è interessante in molti modi. Cominciamo graffiando lo sfondo: una grande piscina nel Regno Unito a Cambridge, una giovane donna che fa il bagno con un bambino in una vasca idromassaggio non può far fronte a un bambino di nove mesi che inizia a innervosirsi. L'idea di dargli un seno le viene in mente.

La reazione è istantanea Le viene chiesto di lasciare la piscina perché, secondo il personale, ha infranto la regola di portare cibo e bevande in piscina.Anche se un parrucchiere di 20 anni del Regno Unito ha cercato di convincere il soccorritore che può dar da mangiare a suo figlio dove vuole, è rimasto irremovibile e ha ordinato di lasciare la piscina.

Cosa è successo dopo

La donna ha scritto una denuncia, ha pubblicato i suoi pensieri su Facebook, spiegando che gettarla fuori dalla piscina era una mossa sbagliata, e il motivo era incomprensibile per lei.

La direzione del pool dopo il discorso della donna ha ricevuto molto sostegno (c'erano anche molti voti negativi) scusati con la donna.

In questa situazione, sorgono diverse domande:

  • Una donna doveva davvero nutrire il suo bambino in acqua?
  • Non poteva andare negli spogliatoi? O forse nessuno dovrebbe richiederlo da lei?
  • Ha disturbato gli altri utenti della piscina nutrendosi nella vasca idromassaggio?
  • Un bambino di nove mesi potrebbe essere in grado di aspettare? (alcuni indicano che i bambini di questa età non mangiano così spesso e il loro menu include anche pasti solidi, quindi il "problema" dell'allattamento al seno in piscina potrebbe essere evitato)?
  • L'allattamento al seno dovrebbe avvenire in condizioni più intime e non in una piscina rumorosa?

Cosa ne pensi